4 Settembre Set 2017 0944 20 days ago

Mattia Furlan profeta in patria nel Circuito Europeo di Creazzo

Il veneto conquista il successo nella competizione che assegnava anche punti in ottica mondiale

CREAZZO SETT2017

Creazzo (04/09) - Dopo il bis in terra slovena di due settimane fa Mattia Furlan alza la voce anche sulla pista amica di Creazzo e conquista la terza prova del circuito europeo, competizione che assegnava anche punti in ottica mondiale. Gara internazionale dove all’appello sono mancati gli atleti stranieri, forfait dai vicini paesi d’oltre confine per una corsa che ha sicuramente fatto bene al team tricolore che trascinato dal suo capitano ha messo in saccoccia punti preziosi in vista del mondiale di Baku del prossimo anno. Organizzazione come sempre impeccabile ben orchestrata dal numero uno Alessandro Corà bravo a tirare i fili di un gruppo che in pista e fuori dalla pista ha fatto sentire i quasi due cento atleti in gara come fossero a casa. Creatini contenti anche per i risultati sportivi, un tris di vittorie che confermano l’ottimo stato di salute della squadra di Creazzo che in questo finale di stagione vuole sparare le ultime cartucce per chiudere nel migliore dei modi il triveneto e il circuito italiano. Per Furlan una gara perfetta sin dalle manche di qualifica dove ha pennellato al meglio le paraboliche e divertito il sempre numeroso pubblico con salti mozzafiato.

In finale corsa tirata con lo sprint finale che ha visto il talento di casa mettere in fila dietro alla sua bici monomarcia Grazian dell’Olgiatese e Tomizioli del team Prototype. Festa griffata Creazzo anche nella categoria allievi dove Tommaso Dalla Stella si è preso d’autorità quel primo posto che mancava da qualche gara, una vittoria meritata e netta con Piccoli del Verona secondo e Hapacher del Trentino Garda finito terzo sul podio. L’ultimo successo made in Creazzo arriva invece dalla categoria giovanissimi G3-G4 con Marco Canova che ha saputo sfruttare al meglio la pista di casa per precedere sulla linea del traguardo Pelizza del Panther Boys e Boccia del Trentino Garda. Restando tra i giovanissimi tre su quattro nei G1-G2 sono di casa col successo al patavino Del Tongo; secondo Morbin, terzo Magrin e quarto Fabris. Nei G5-G6 bronzo al collo di Albert Groppo preceduto soltanto da Gambetta della Lupatotina e Tezza del Ciclomania. Festa podio anche tra i cruiser col secondo posto di Francesco Maule abbonato alla zona podio nella sua categoria, gara vinta dal padovano Menin. Tra gli esordienti vittoria del veronese Cantiero su Cassanta e Ligabò; tra gli junior invece successo per Budelli del Besnate davanti a Gargaglia e Bertagnoli. Ora pensieri al 16 settembre con l’open day per i nuovi iscritti in pista.

da Il Giornale di Vicenza a firma di Stefano Testoni